Eventi in Calendario

Notizie riguardo alla vita dell'Associazione e altre segnalazioni.

19/12/2023

Martedì 19 dicembre 2023, presso la sala Pietro da Cemmo del Centro Culturale Sant'Agostino di Crema, si è svolta la cerimonia di premiazione delle eccellenze organizzata dall'Istituto di Istruzione Superiore "Racchetti - da Vinci" di Crema. 

Nel corso della serata sono state consegnate le borse di studio agli studenti meritevoli del Liceo Classico, del Liceo Linguistico e del Liceo Scientifico, facenti parte di questo Istituto.

Si unisce la locandina con il programma della cerimonia.

La Associazione degli Ex Alunni del Liceo Ginnasio "Alessandro Racchetti" di Crema eroga sin dai tempi della sua costituzione, anche per norma statutaria, delle borse di studio agli allievi del Liceo Classico che abbiano raggiunto i migliori risultati scolastici in riferimento a determinati anni di frequenza, di volta in volta individuati dal Consiglio Direttivo di questa Associazione.

In riferimento all'anno scolastico 2022/2023, l'Associazione ha consegnato, nel corso della cerimonia di premiazione delle eccellenze, tre borse di studio agli allievi del Liceo Classico che hanno conseguito i migliori risultati al termine del secondo biennio di scuola e precisamente agli studenti:

• Giulia Cerioli, che frequenta attualmente la classe 5a, sezione B;

• Emma Vetturi, che frequenta attualmente la classe 5a, sezione B;

• Giulia Quartaroli, che frequenta attualmente la classe 5a, sezione B.

Si unisce il prospetto rieilogativo di tutte le borse di studio 2022/2023 consegnate nel corso della cerimonia del 19 dicembre 2023, pubblicamente consultabile anche sul sito web dell'Istituto di Istruzione Superiore "Racchetti - da Vinci".

Si unisce anche il prospetto con i nominativi degli studenti che al termine dell'anno scolastico 2022/2023 hanno conseguito nei tre Licei suddetti la valutazione di "100 e lode" e di "100", per i quali sono previsti riconoscimenti diversi dalle borse di studio sopra citate. Anche questo propspetto è pubblicamente consultabile sul sito web dell'Istituto.

01/12/2023

Venerdì 1° dicembre 2023 si è svolta la conferenza "Dai restauri novecenteschi alle vicende di cantiere tra il XV e il XVI secolo: il Palazzo Comunale di Crema". Relatore è stato il prof. Simone Caldano, fondatore e presidente dell'associazione Piemonte Medievale. L'incontro si è tenuto presso la Sala Ricevimenti nel Palazzo Comunale di Crema. L'iniziativa si è ricollegata anche al sessantesimo anniversario dei lavori di ristrutturazione del Palazzo Comunale di Crema, terminati nel 1962 dopo alcuni anni di rilevanti interventi architettonici. 

Nel 1449 la dedizione della Comunità di Crema alla Repubblica di Venezia creò le condizioni favorevoli per la ricostruzione del Palazzo Comunale, tanto più che l'edificio precedente era stato distrutto in un incendio. Se per la seconda metà del XV e l'inizio del XVI secolo sono molto scarse le evidenze in elevato - con l'eccezione del Torrazzo - ma si registra una notevole abbondanza di fonti scritte, dagli anni Venti del Cinquecento in poi la situazione si ribalta: le strutture materiali sono molto significative ma si è costretti a constatare una diminuzione delle fonti disponibili.

Nell'incontro si è pure fatto cenno al restauro che, sotto la guida di Carlo Peregalli e di Silvio Mosconi, si è svolto tra la fine degli anni Cinquanta e l'inizio degli anni Sessanta del secolo scorso e che non ha mancato di suscitare vivaci polemiche.

Simone Caldano ha conseguito il dottorato di ricerca in Storia dell'Architettura presso l'Università IUAV di Venezia (Istituto Universitario di Architettura di Venezia) nel 2015, con una tesi sul Duomo di Crema e la sua piazza. Si occupa prevalentemente di architettura religiosa in Piemonte, Lombardia e Liguria tra l'XI e il XV secolo. Ha insegnato presso le Università di Ferrara e di Firenze. È fondatore e presidente dell'associazione Piemonte Medievale.

13/11/2023

Lunedì 13 novembre si è svolta la conferenza sul tema "Il poema epico nell'Italia medievale: l'Entrée d'Espagne". Relatore è stato il prof. Paolo Gresti, docente presso l'Università Cattolica di Milano. L'incontro si è tenuto nella Sala Alessandrini, in via Matilde di Canossa 20, a Crema. Hanno partecipato all'iniziativa anche alcune classi dell'Istituto di Istruzione Superiore "Racchetti - da Vinci" e dell'Istituto di Istruzione Superiore "Galileo Galilei", di Crema. Gli studenti sono stati accompagnati dai loro docenti e dai rispettivi Dirigenti Scolastici, il prof. Claudio Venturelli e la prof. Paola Orini.

Nel periodo che corre grosso modo tra la seconda metà del XIII secolo e la fine del XV fiorisce, nelle regioni settentrionali d’Italia, una letteratura che viene detta “franco-italiana”, perché ha la particolarità di essere scritta in una lingua mista, una miscela di lingua d’oïl e di varianti linguistiche dell’Italia del Nord, soprattutto lombarde e venete. Si tratta di una lingua che muta da un’opera all’altra, perché ogni autore mescola in modo diverso gli ingredienti che la formano, anche se rimangono alcuni tratti di base inalterati.

Il capolavoro della letteratura “franco-italiana” è un poema epico – genere di grande successo nelle regioni padane – intitolato Entrée d’Espagne dal suo primo e unico editore, Antoine Thomas, nel 1913. L’Entrée è una lunga chanson de geste nella quale l’autore, rimasto anonimo, racconta le avventure vissute da Carlo Magno e dai suoi paladini durante la spedizione spagnola: narra cioè quello che viene taciuto nella più antica chanson de geste francese, la Chanson de Roland.

Paolo Gresti è professore ordinario di Filologia linguistica romanza presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, dove ha studiato sotto la guida del prof. Aldo Menichetti. Dopo la laurea ha fatto il Dottorato di ricerca presso l’Università di Firenze. Quindi ha trascorso sei anni all’Université de Fribourg (Svizzera) in qualità di assistant diplômé.

Si è occupato soprattutto di lirica antica italiana e occitanica, di epica, della fortuna della lingua d’oc nell’Italia del XVI secolo. Tra le altre cose ha pubblicato Sonetti anonimi del Vaticano lat. 3793, Firenze, Accademia della Crusca, 1992; Il trovatore Uc Brunenc, edizione critica con commento, glossario e rimario, Tübingen, Niemeyer, 2001; Introduzione alla linguistica romanza, Bologna, Pàtron, 2016; Anonimo padovano, L’Entrée d’Espagne (con Marco Infurna), Novara, Interlinea, 2021; Dante Alighieri, Rime (con Nicolò Premi), Brescia, Editrice Morcelliana, 2023.

20/05/2023

Nella mattinata di sabato 20 maggio 2023, la nostra Associazione ha organizzato una visita alla mostra "Pictura Tacitum Poema. Miti e paesaggi dipinti nelle domus di Cremona". La mostra si svolgeva presso il Museo del Violino, in via Guglielmo Marconi 5, a Cremona. Le curatrici sono state Nicoletta Cecchini, Elena Mariani e Marina Volonté. L'iniziativa era aperta anche ai familiari degli Associati. La visita è stata guidata dalla curatrice Marina Volonté. 

 Il titolo della mostra va collegato alla celebre frase attribuita a Cicerone «si poema loquens pictura est, pictura tacitum poema esse debet» (se la poesia è una pittura parlante, la pittura dev’essere una poesia silenziosa). Nel 69 d.C., l’ “Anno dei 4 Imperatori”, la terribile “Battaglia di Cremona” lasciò sulle rovine della città, «una catasta di corpi che sfiora in altezza i frontoni del tetto», come annotò Plutarco. Questa battaglia distrusse gran parte degli edifici cittadini. 

I migliaia di frammenti di intonaco dipinto, venuti alla luce nello scavo della Domus del Ninfeo di piazza Marconi a Cremona a partire dal 2002, oltre a costituire un’importantissima testimonianza dell’evoluzione della pittura romana in Cisalpina dagli inizi del I secolo a.C. al 69 d.C., raccontano anche le tante storie della casa e dei suoi proprietari. 

Esempio straordinario ne è la “Stanza di Arianna”, un cubiculum (camera per dormire) sulle cui pareti erano raffigurati diversi momenti del mito cretese: prima abbandonata da Teseo dopo l’impresa dell’uccisione del Minotauro, in seguito scoperta da Dioniso addormentata sulla spiaggia dell’isola di Nasso, Arianna appare infine sposa trionfante del dio stesso. 

Da un altro scavo, in via Colletta, sempre a Cremona, provengono le decorazioni della Domus dei Candelabri dorati, anch’esse testimoni di quanto fosse diffusa nelle dimore cremonesi la raffinata cultura artistica derivata dall’ellenismo. 

Sono frammenti che, dopo lunghi anni di studi, analisi e restauri, ci vengono restituiti nel loro significato e nella loro bellezza anche grazie ai confronti con alcuni affreschi, presenti in mostra, provenienti da Pompei, Roma, Ostia e Verona, e con scenografiche ricostruzioni multimediali. 

A seguire, si è svolta una visita al Museo Archeologico di Cremona, sito nella ex chiesa di San Lorenzo (in via San Lorenzo 4, a Cremona), sempre accompagnati da una guida qualificata.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.